Crociati

Il confermato Cap Lucarelli: “Orgoglioso di infilare per la nona volta questa maglia. Il Parma anche in Lega Pro sarà la squadra da battere. Chi resta e chi va merita il grazie. Chi arriva dovrà prender esempio”

lucarelli 27 05 2016Collecchio, 27 maggio 2016 – Il capitano del Parma Calcio 1913 Alessandro Lucarelli, confermato ufficialmente nell’organico crociato per la prossima stagione dopo l’accordo raggiunto ieri con la società, ha chiuso gli appuntamenti stampa quotidiani al Centro Sportivo di Collecchio poco dopo il rompete le righe decretato da mister Luigi Apolloni:

Avevo già detto che avrei continuato, ma da ieri è arrivata l’ufficialità. Sono molto contento di avere la possibilità di giocare ancora un anno, perché inizialmente avevo detto che sarebbe stato l’ultimo, ma come si suol dire l’appetito vien mangiando. La bella stagione che è stata, l’entusiasmo che si è ricreato, il fatto che stia ancora bene fisicamente mi ha portato a fare questa scelta. Sono orgoglioso di fare parte ancora di questa squadra e di infilare per la nona volta di fila questa maglia. Adesso ci riposiamo e poi ripartiamo, come sempre, per fare un altro campionato da vincenti.

Io e Minotti, in due ruoli diversi, siamo due persone che vogliono bene a questa piazza: questo deve essere di garanzia per i nostri tifosi.

L’obiettivo sarà quello di provare a vincere il campionato: adesso, innanzitutto, dobbiamo staccare, e poi prepararci bene perché sicuramente le difficoltà aumenteranno, ci saranno piazze e squadre importanti, però noi siamo il Parma e ho la presunzione di dire che noi, anche in Lega Pro, saremo la squadra da battere e la squadra più importante.

Dopo le vicissitudini della passata stagione siamo ripartiti bene, da vincenti, e ora dobbiamo continuare il nostro percorso per tornare dove ci eravamo lasciati l’anno scorso.

E’ difficile salutare delle persone con le quali si è fatto un percorso insieme, ma il calcio è questo. Ci sono giocatori che rimarranno e altri che andranno via: durante l’annata si creano dei rapporti umani e affettivi che vanno al di là del semplice essere compagni di squadra. Io sono convinto che il contributo di ognuno delle persone che sono state qui quest’anno – sia all’interno del gruppo che dello staff e della società – abbia fatto sì che questa stagione sia stata meravigliosa e indimenticabile. Io mi sento di ringraziare tutti, dal primo all’ultimo, chi rimane e chi andrà via: quello però che abbiamo fatto quest’anno, tutti assieme, sicuramente rimarrà nella storia non solo del Parma, ma anche del calcio, perché siamo riusciti a rimanere imbattuti per tutto l’anno e abbiamo raggiunto diversi record. Questa squadra è quella che ha riportato il Parma tra i professionisti e, mi auguro, rimarrà nel cuore di tutti i tifosi. E chi arriverà dovrà prendere esempio da questi ragazzi. Chi arriverà dovrà avere la voglia, l’umiltà e la determinazione che abbiamo avuto noi quest’anno. Noi abbiamo gettato delle basi importanti col gruppo: sono convinto che chi arriverà porterà avanti quello che abbiamo cominciato noi.”